Come convincere i nostri figli a lavarsi i denti?

Mantenere una buona igiene orale è fondamentale. Denti più belli, forti e gengive sane.

E questo discorso vale a tutte le età: dal neonato all’anziano con dentiera.

lavarsi i denti

Avere denti sani e puliti deve essere quindi una priorità di tutti. Non possiamo trascurare la nostra bocca.

Il problema nasce quando questo concetto dobbiamo spiegarlo a nostro figlio di pochi mesi di vita.

Scatta  naturale in noi genitori la domanda:

Come convinco mio figlio a lavarsi i denti?

Lo sappiamo bene, non è semplice spiegare ad un bimbo di poco più di un anno come lavarsi i dentini nel modo corretto e perché questa azione deve essere compiuta  più volte durante la giornata.

Almeno 3 volte di sicuro:

  • dopo la colazione
  • dopo pranzo
  • dopo cena/prima di andare a letto

Il dato di fatto è uno solo: i denti vanno protetti e da subito.

E non solo perché il Dentista costa, ma perché una corretta igiene orale migliora anche la nostra digestione e il nostro alito.

Quando per un bambino arriva il momento giusto per lavarsi i denti?

Da subito, appena nato.

Di fatto la natura pensa già in modo automatico alla salvaguardia di denti e gengive. Il neonato, infatti, si nutre immediatamente di latte, noto per essere un alimento ricco di calcio. Quest’ultimo è importantissimo proprio per sviluppare ossa e denti forti.

Accanto al calcio c’è poi il fluoro. Pediatri di tutto il mondo consigliano di assumerlo quotidianamente fino a quasi 10 anni di età del bimbo. Esistono sul mercato gocce o compresse di Fluoro utile per prevenire le carie.

La pulizia vera e propria può essere svolta anche quando il bimbo non ha ancora i denti. Ci sono Medici, infatti, che consigliano di pulire anche le gengive del neonato con una garzina in cotone imbevuta nell’acqua.

Deve incominciare con la comparsa del primo dentino da latte. In questo caso possiamo scegliere uno spazzolino con le setole morbide.

Offerta
Chicco 00007533100000 Set Dentale, Rosa
  • Pratico set per prendersi cura dell'igiene orale
  • Dentifricio gusto fragola
  • Spazzolino da denti
  • Astuccio con decorazioni
  • Adatto per bambini dai 12 mesi in poi

Cosa pensano erroneamente molti genitori?

Molte mamme e papà pensano che non sia corretto lavare i denti ai bambini principalmente per due motivi:

  1. tanto sono denti da latte e quindi destinati a cadere
  2. il latte essendo liquido non può fermarsi tra  i denti.

Sbagliato.

Esistono proprio delle carie definite appunto “carie da biberon” che colpiscono proprio i dentini frontali. Questo avviene soprattutto durante la notte, quando ad esempio il bimbo prima di dormire è abituato a bere il biberon di latte. Se non laviamo bene i denti subito dopo, rischiamo che residui di latte si fermino tra i denti causando, a lungo andare, l’insorgere di carie.

Spesso, infatti, vediamo bimbi di poco più di 3 anni con i denti cariati.

La soluzione ideale rimane sempre quella di utilizzare garze umide per pulire la bocca e quindi le gengive.

Studi medici, infatti, hanno dimostrato che una corretta pulizia orale, attuata dai primissimi mesi di vita del bimbo, consente uno sviluppo migliore dell’arcata dentale.

Per cui mai sottovalutare la pulizia dei denti.

Bambini correre a lavarsi i denti!

 

Perché i bambini odiano lavarsi i denti?

Generalmente è questione di pigrizia. Lo vedono come una “perdita” di tempo e quindi lo fanno sempre controvoglia, soprattutto prima di andare a letto.

Ci sono bambini che utilizzano lo spazzolino come un piccolo pettine, altri che lo ciucciano a modo ciupa ciupa ed altri che non lo vogliono nemmeno vedere.

Da qui la necessità di creare prodotti a misura per bambino:

  • spazzolini nelle forme più strane e divertenti
  • dentifrici con gusti particolari (il più gettonato rimane la Fragola)

E’ stato pensato a tutto, insomma, per convincere  i bimbi a lavarsi i denti.

 

Alcuni consigli utili per convincere i nostri figli a lavarsi i denti.

1 – Dare il buon esempio

E’ fondamentale abituare il bimbo a vedere mamma e papà che si lavano i denti durante la giornata, soprattutto prima di andare a letto. Ricordiamoci che i nostri figli sono come delle spugne che assorbono tutto: informazioni e comportamenti. Il continuare a vedere i propri genitori lavarsi i denti, trasforma quella azioni in qualcosa di “normale” e quindi da fare.

2 – Lavarsi i denti è un rito giocoso e divertente

Giocate con i vostri figli. Inventatevi qualcosa di divertente come ad esempio sciacquare la bocca a ritmo di musica. Dovete fargli venire voglia di lavarsi i denti con voi. Solitamente la schiuma del dentifricio conquista i bambini.

3 – Spiegare l’importanza di lavarsi i denti

C’è un tempo per tutto. Si parte dal gioco e si arriva a spiegare l’importanza del lavarsi i denti. Dovrete di far innamorare i vostri figli del momento lavaggio dei denti e non delle finalità.

4 –  Scegliere cibi sani

Fate capire a vostro figlio che ci sono cibi che fanno bene ed altri che possono causare  grossi problemi ai denti. Cercate di evitare cibi e bevande troppo ricchi di zuccheri. Ponete attenzione quindi alle merendine, alle caramelle e alle bevande diverse dall’acqua, soprattutto se non siete a casa e quindi diventa difficile se non impossibile lavarsi i denti.

5 – Lavare i denti prima di andare a letto

Prima di dormire c’è l’abitudine a bere il biberon di latte o di camomilla o di succo di frutta. Queste bevande, però, sono spesso ricche di zuccheri. E’ importantissimo andare a letto senza zuccheri in bocca.

6 – Il dentista

Non trasformate il dentista in un orco terribile. Portate vostro figlio a fare un controllo: per non avere male dopo, è giusto comportarsi bene prima.

 

Come lavarsi i denti: con spazzolino manuale o spazzolino elettrico?

Una volta insegnato a nostro figlio l’importanza del lavarsi i denti, è giusto capire quale spazzolino utilizzare. Da sempre siamo abituati ad utilizzare il classico spazzolino, quello per intenderci manuale con setole più o meno morbide a seconda delle esigenze.

Negli ultimi anni, però, sono stati prodotti spazzolini elettrici davvero efficaci. Alcuni, ad esempio, riescono a rimuovere la placca batterica in modo più efficace e veloce dello spazzolino tradizionale, senza rovinare le gengive.

Ecco alcuni esempi di spazzolino elettrico:

Ricaricabile: è il classico spazzolino che viene ricaricato inserendo la spina della corrente nella presa. E’ una pulizia di tipo rotatoria.

Batteria: sono simili nel concetto a quelli manuali tradizionali, ma utilizzano una batteria AA. Hanno un sistema di vibrazione per pulire più in profondità.

 

Alcune regole da rispettare:

  1. Cambiare lo spazzolino tradizionale ogni 2/3 mesi
  2. Controllate le testine dello spazzolino elettrico e sostituitele ogni 2/3 mesi
  3. Scegliere un dentifricio ricco di fluoro (almeno nei primi anni di vita del bambino)

 

 

SPAZZOLINI

 

Vuoi chiederci qualcosa?

Lasciaci un Commento